VIRUS APOCALYPSE

 di Angelo Di Giorgio.

Un senso di estraniazione mi pervade mentre cammino per le vie deserte del centro di Catania, un silenzio denso come la melassa mi avvolge e rende i miei passi più pesanti, è un déjà vu, conosco bene questa sensazione, città in stato d’assedio, coprifuoco, legge marziale. Bangkok al culmine della rivolta delle red shirt, San Salvador durante l’offensiva del Farabundo Martí, la notte di Belfast cattolica chiusa e isolata dall’esercito britannico. Ecco cosa mi ricorda la mia città questo pomeriggio. Ai lati scorrono saracinesche abbassate, vetrine spente sembrano osservarmi come orbite vuote e senza vita e l’odore, un tempo acuto di gas di scarico e residui organici, oggi stantio di cloro e disinfettante, le finestre serrate come mascelle, ma qui oggi non ci sono cecchini appostati nell’ombra né mimetiche irte di fucili automatici. 

 Il nemico è una creatura maligna, misurabile in micron, un’invasione aliena che sta mettendo in ginocchio l’umanità intera, il Covid-19. 

 Improvvisamente scorgo un movimento, è una figura umana, sembra strisciare lungo i muri, trasuda paura, il mio trecento millimetri l’inquadra, ne intrappola lo sguardo ansioso, dietro la mascherina si indovina tutta l’incertezza di un futuro ignoto, parto a raffica, cerco risposte, eccone un’altra di mascherina e un’altra ancora, scatto come uno sniper, poi mi fermo, un uomo anzi no una donna, anzi non saprei, un viso tracciato come una ragnatela avanza barcollando verso di me, mi tende la mano aperta, “la prego in ginocchio” mi dice, afferro una manciata di monetine, gliele porgo insieme ad un indefinibile senso di colpa. Mentre il mio istinto cerca altri “bersagli” la mia mente vaga, mi chiedo se questa immane tragedia ci insegnerà qualcosa, se impareremo ad assaporare la vita nella sua vera essenza o se continueremo a misurarla in giga, potere, ricchezza, forse tutto questo ci porterà ad una diversa consapevolezza, all’essenza della condizione umana, fatta di carne e ossa, ma anche di un pensiero capace di contenere l’universo e della capacità più alta, quella di amare. 

Il carniere della mia memory card è pieno, ho voglia di tornare a casa, di farmi strapazzare dall’irruenza festosa dei miei cani, di sentire la voce rassicurante della mia compagna, di chiamare mia figlia e mio padre, entrambi irraggiungibili in quest’isolamento necessario. Accendo la radio della mia auto, Joan Baez mi dice che la risposta è nel vento, su un balcone una giovane madre gioca con una bimba, fanno bolle di sapone nel sole che sta andando a dormire, pare che il maledetto risparmi i bambini e le donne in gravidanza, allora forse non è così invincibile, speriamo.

(Articolo pubblicato in “Le Siciliane-Casablanca” marzo 2020, Anno XIV Num. 62)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...