POLAND: VIOLENCE AND ARRESTS DURING THE STRIKES AGAINST THE REFORM OF ABORTION LAW. THE STORY OF OLIVIA MASOJA (Eng/Ita)

Testimony collected by Józefina Plesner

Photo by Olivia Masoja

Photos by Aneta Wielgosz

On Thursday the 29th of January I participated in the Women’s Strike in Warsaw. At first the protest went smoothly but then the police began arresting people. They wouldn’t tell anyone where they were taking them. We decided we were going to stay there until we were given information about their whereabouts. The anti-conflict brigade was sent over to try and talk things out. The police gave us an ultimatum- we either leave now, not knowing what happened to our fellow protestants, or the police will form a formation not enabling us from leaving the area until they get our ID information. We chose to stay and refused to give them any information. It was cold and everyone was growing weary. The police then started throwing people to the ground and trying to catch as many people as they could. We were outnumbered but tried to help each other as we could. Whenever the police were using force on someone we ran there and tried to get everything on camera. In one situation the police formed a tight circle around two teenage girls. One of them got a panic attack. People tried to reason with the police to let her out or move away to get her fresh air. I managed to push my arm in a small space between two policemen and squeeze the girl’s hand, she squeezed mine back. She was hyperventilating but the police didn’t care. It took the intervention of a member of the Sejm to free the girl from the police. From there things just got more heated. Police groups were forming everywhere throwing people to the ground. At one point I saw a significant group of police. In the middle of this “formation” was a young man who’d been thrown to the ground and was struggling to get up. A group of police officers was holding him down. Alongside a few people we tried to get to him. The force being used on this person and the amount of policemen was excessive. I remember shouting “let him go!”. As I got close to him the police started pushing me. I was surrounded from all sides, it became hard to breath. I don’t know if it was the nerves or the lack of oxygen but I started passing out. I remember one of my fellow protesters (a man I’ve never met in my life) tried to get me out of there. He held me from behind and started pulling me towards safety. Someone pushed us to the ground, I remember falling onto this man who was helping me. When we were on the ground the crowd was excessive, I could feel the heavy boots of policemen near my face and body. I remember thinking “they are going to kill us when the step on our heads” and I passed out.

When I started coming around, the police were trying to get me to stand on my feet. I was behind some wall, not exactly sure where. I was there with the gentleman who’d helped me. I also learned there was another protestor there, but I don’t recall seeing her. I stood up straight and looked around. The number of police was overwhelming but it somehow gave me power. I think they started asking me for my ID information but I refused to give it to them. We’d all decided that that was the one night we were going to stand up to them, if we gave in and gave them our information it would make it all too easy for them. They were using excessive force and I was sick and tired of this. I was furious that these people were trying to intimidate us. One police officer, hiding behind his co-workers said something along the lines of “Oh, the coloured one is feisty”. When I heard this something in me broke. I’ve dealt with racists all my life. I was here protesting for my primary right that had just been taken away from me and the women of this country. I would somewhat understand if he’d belittled me as a woman, but what did my skin colour have to do with anything? I snapped back at him “And you fucking whitey?” I’ve never in my life used this word before but I felt that if I call him this, he will understand how very rude (to put it in light words) he had acted.

I don’t remember seeing his reaction because one of the other policemen grabbed me and threw me onto the nearby wall with all his might. I first felt a deafening pain on the right side of my forehead and nose. The pain was worse than anything I’d ever experienced in my life and I fell onto the ground. I heard an officer say “come on man, you gonna go to court”. I kept my head down and held my hand to my face. I was cursing and whimpering. One police officer kept telling me to get up. I was afraid they were going to use force again so despite the pain I sat up. When I took my hand away from my face it was covered in blood. I didn’t want to show them my pain so I crunched my teeth. But when I felt someone touch me from behind and lay me to his chest I started screaming for him not to touch me. I was scared but I was furious too. That’s when I noticed it was the man who had helped me before. He was sitting behind me, stretching out his painful leg. I leaned into him feeling safe for once. One of them asked me if I was in pain. “No, I’m bleeding just for fun” I said sarcastically. All over the floor was blood, I kept spitting it out too. One officer offered me a tissue, fear in his eyes. I declined, I had my own and I didn’t need them to play nice now. The damage was done. I took out my phone and snapped a picture of my face covered in blood. I quickly got up and started running past them calling out for one of the many camera crews, when I saw where we were.

They had pulled us away from everyone else and hid us behind a nearby building, where the TV crews couldn’t reach us. I was scared again, we were alone but despite of this I burst out laughing. They looked at me shocked. “I’m going to buy a house with the compensation I get from you”. Each one of them had a scared expression on their face. They all knew their co-worker had acted out of bounds.

The paramedics arrived and patched me up. They thought that my nose ring had caused the blood but it was intact. The gentleman from before filmed the whole incident, then I filmed the police talking to him. I was then taken aside and asked for my ID information once again. I told them straight up that they can take me to the police station cause I ain’t giving them anything. They told me that if I don’t give them any information they were going to keep me locked up for 24hours. I took out my phone, called my best friends – Karolina and Wiktoria, asked them to inform the anti-repression organization “Szpila” and tell them what had happened, I also asked them to go over to my house and take care of my dogs since they were all alone. I also managed to send them a picture of my bloodied face in case the police delete the photo after they take my phone. As they escorted me to the police van I saw one of the Sejm members and I made a run for it, screaming for her. When the police caught up with me I was already clinging to her coat and showing her the picture of my face. She took my information and also contacted the organization “Szpila”. After that I was put in a van by an amazingly professional policewoman. There were two other women who’d been detained and were going to the same station as me.

The policewoman had to take away my phone and wallet. As she left the van she apologised and wished us luck. I told a policeman that I needed to take my medication. He said I can’t because I don’t have a doctor’s note with me stating that I need to take medication. (I don’t know if anyone carries that around with them). I knew I had to take it because of my anxiety disorder, so when he looked away, as quickly as I could I swallowed my pills. He didn’t notice. The police officer who was assigned to me was very kind, you could see he didn’t want to do this. The other girls didn’t have that luck. We were then driven to a police station 30km out of town. The police said that all the stations in Warsaw were full. My lawyer later told me that this was a lie, all the stations in Warsaw were empty. The police tried to make it harder for our lawyers to contact us. They do this whenever they detain anyone from the Women’s Strike. When we arrived at the police station I was once again assigned another kind policeman to do my paperwork. I think I got that “privilege” because they were scared and didn’t want me to have any more reason to press charges. They separated us girls and put us into different rooms. I wanted a lawyer and to inform my family. My aunt had my location on her phone and I wanted to tell her I was ok. I was told that I can get a lawyer after all the paperwork. I refused to sign anything they gave me, stating that I don’t understand the meaning of some of the terms. They pressed for me to just sign it. I asked for a lawyer. They said “later”. My nose was painful and my head was killing me. I was feeling worse and worse.

The police said after the paperwork they were going to set me free even if I don’t sign anything. All I wanted to do was go home and take the rest of my anti-anxiety medication. I said “fine, but I still want to call my aunt”. I was then taken into another room by a policewoman who searched me for any dangerous things and let me back into the room where my documentation was being done. In came one the worst policemen I’d ever encountered. He started writing something on the computer and confirmed with me that I didn’t want a lawyer. One of the girls that’d been detained was in the room next door and she screamed to me to get a lawyer. The new officer shouted at his staff that we were supposed to be separated. He was aggressive. I immediately changed my mind and told them that I want a lawyer. The pain in my head was getting worse and worse and I felt like throwing up or passing out. When I learned that this whole process was going to take at least an hour more I asked for medical assistance. The aggressive police officer said that I waited so long and now I suddenly need help? He denied it. I told him that I know my rights and I demand medical help now. He was very displeased but another officer took the phone and called for medical help. When the aggressive one left I was asked to read and sign a long document. The letters were blurring in front of me, jumping on the page, the pain was unbearable and once again I passed out. As soon as I came to, I was asked to sign the document. I couldn’t even read it or understand it and I denied signing it. I was tired, hungry and needed my medication badly.

They told me that I can either go with the paramedics and an officer to the hospital, come back but it will be too late for a lawyer or we can finish everything up now. I told them that I needed to go to the hospital. The whole world was spinning and I was very weak. They took me to another room to be seen by the paramedics. There were three of them. Two were very harsh and one had no problems with me. They checked my heart rate and shone a torch into my eyes. I was slurring my words and asking them to repeat questions, I felt like a two year old who didn’t understand anything. Two of them left leaving me with the kind one. I was asked to stand up so that they can take pictures of any damage. My winter jacket was torn (the temperature outside was minus something). At that point I didn’t know I had scratches on my arm since I was wearing a long sleeved shirt, so that wasn’t documented. The policewoman didn’t take a picture of my nose, until the paramedic told her that it was bruised (a very visible red mark on its right side). She tried to brush it off, telling him that it was my makeup that’d rubbed off. The other policewoman disagreed with her and when I tried rubbing my nose to show them that it wasn’t makeup, I was struck as to how much it hurt. Finally this was documented as well. When the policeman from before came to print out the paperwork he asked if I still need to call my aunt since I’m getting out now. I once again asked about the lawyer, to which he said that she won’t be here for at least another hour. The policewoman spoke up stating that the lawyer has been at the station for the past two hours. That’s when I understood that the policeman who’d been kind all along was just playing the part of “good cop” to get me to sign the documents. As well as the officer who’d fed me the lie that I’d have to spend 24hrs in custody if I refused to give my ID information. I demanded to see my lawyer. Three minutes later she came in. The police told us that we need to finish the paperwork and it will take 5mins. The paramedic was growing weary, he didn’t have time to wait. The police promised just 5 more minutes. The paramedic and I came to the conclusion that I’d go to the hospital on my own because he couldn’t wait and I didn’t want to stop him (people wait hours for the ambulances in Poland). If I was to go with him now, I’d have to come back to the station for supposedly “5 more minutes”. The paramedic left to prepare my medical sheet stating my injuries. When he came back with 2 painkillers and left.

My medical sheet stated I had no bruises or injuries, when he’d even stated to the police that my nose is bruised! There was information that stated everything was ok, marking that I had no problem concentrating and my speech wasn’t slurred. Apparently I was perfectly fine.

When the police finally finished everything, they asked me to sign one more piece of documentation. I refused and was finally set free. I was allowed to see my lawyer 10 minutes before my release and my aunt was never called. Only later did I learn that as soon as she saw my location change to “Police station in Legionowo” she called asking about me. The police lied to her that I was being taken care of by a lawyer and refused to say anything else. If I hadn’t known my rights I could’ve signed documentation incriminating me. Because only at home when I looked through everything did I see that one of the reasons for which the police detained me was based on the bill about foreigners. I don’t understand how the police put into my papers that I was a foreigner after seeing my ID, which is clearly Polish. They also asked me if I know how to read and write in Polish or I can only speak it. This was after I’d told them I’d been living here permanently since 2012, and since I’m 20 now it obviously means I finished school in Poland and in Polish. The next day I went to do a forensic examination, which I will need in court when I sue the policeman who threw me on the wall, did I learn that my nose was actually broken. I’ve been on painkillers ever since the incident. I’ve been constantly getting panic attacks and taking medication for it like sweets. Nothing seems to help. I know I will get back on the streets as soon as my nose heals up a bit, I don’t want to cause it anymore damage when the police decide to beat us again. I posted my story, in a much shorter version, on my Facebook page. So far it had been shared almost 4000 times and has over 3000 comments. A lot of them are supportive but unfortunately a good load of them are hateful and racist. I will keep fighting this fight until we win it. And all the fights that need to be fought in order to make Poland a democratic, inclusive country.


POLONIA: VIOLENZE E ARRESTI DURANTE LE MANIFESTAZIONI CONTRO LA RIFORMA DELLA LEGGE SULL’ABORTO. LA CRONACA DI OLIVIA MASOJA

Testimonianza raccolta da Józefina Plesner

Foto di Olivia Masoja

Foto di Aneta Wielgosz

Giovedì 29 gennaio partecipo allo sciopero delle donne a Varsavia. All’inizio la protesta è andata senza intoppi, ma poi la polizia ha iniziato ad arrestare le persone. Non avrebbero detto a nessuno dove li stavano portando. Decidiamo di rimanere lì finché non riceviamo informazioni sulla loro ubicazione. È arrivata la brigata anti-sommossa per cercare di discutere le questioni. La polizia ci ha dato un ultimatum: o ce ne andiamo ora, non sapendo cosa sia successo ai nostri compagni, oppure la polizia non ci consentirà di lasciare l’area fino a quando non avranno ricevuto le nostre informazioni di identificazione. Abbiamo scelto di restare e ci siamo rifiutati di dare loro qualsiasi informazione. Fa freddo e tutti si stancano. La polizia ha quindi iniziato a gettare le persone a terra cercando di arrestarne quante più possibile. Siamo in inferiorità numerica, ma cerchiamo di aiutarci a vicenda come possiamo. Ogni volta che la polizia usa la forza su qualcuno, corriamo lì e cerchiamo di riprendere tutto con la telecamera. In un momento la polizia ha accerchiato due ragazze adolescenti. Una di loro ha avuto un attacco di panico. La gente cerca di ragionare con la polizia per farla uscire o allontanarsi e farle respirare aria fresca. Sono riuscita a infilare il mio braccio in un piccolo spazio tra due poliziotti e stringere la mano della ragazza, lei ha stretto la mia. È in iperventilazione ma alla polizia non importa. C’è voluto l’intervento di un membro del Sejm per liberare la ragazza dalla polizia. Da lì le cose sono diventate più calde. Ovunque si stanno formando gruppi di polizia che scaraventano a terra le persone. A un certo punto ho visto un gruppo significativo di poliziotti. Nel mezzo di questa “formazione” c’è un giovane che era stato gettato a terra e sta lottando per rialzarsi. Un gruppo di agenti di polizia lo tiene fermo. Insieme ad alcune persone abbiamo cercato di raggiungerlo. La forza usata su questa persona e il numero di poliziotti sono eccessivi. Ricordo di aver gridato “Lascialo andare!”. Quando mi sono avvicinata a lui, la polizia ha iniziato a spingermi. Circondata da tutti i lati, diventa difficile respirare. Non so se siano stati i nervi o la mancanza di ossigeno ma ho iniziato a svenire. Ricordo che uno dei miei compagni manifestanti (un uomo che non ho mai incontrato in vita mia) ha cercato di tirarmi fuori da lì. Mi ha tenuto da dietro e ha iniziato a tirarmi verso la salvezza. Qualcuno ci ha spinti a terra, ricordo di essere caduta su quest’uomo che mi stava aiutando. Quando eravamo a terra la folla era eccessiva, potevo sentire gli stivali pesanti dei poliziotti vicino al mio viso e al mio corpo. Ricordo di aver pensato “Ci uccideranno quando ci calpesteranno la testa” e sono svenuta.

Quando ho iniziato a riprendermi, la polizia stava cercando di farmi alzare in piedi. Ero dietro un muro, non sapevo esattamente dove. Ero lì con il signore che mi aveva aiutata. Ho anche saputo che c’era un’altra manifestante lì, ma non ricordo di averla vista. Mi sono alzata in piedi e mi sono guardata intorno. Il numero di poliziotti è enorme, ma in qualche modo mi dà energia. Penso che abbiano iniziato a chiedermi i dati della mia carta d’identità, ma mi sono rifiutata di fornirglieli. Avevamo tutti deciso che quella sarebbe stata l’unica notte in cui avremmo resistito, se avessimo ceduto e fornito loro le nostre informazioni sarebbe stato tutto troppo facile per loro. Stavano usando una forza eccessiva e io ero stufa e stanca di questo. Ero furiosa che queste persone cercassero di intimidirci. Un agente di polizia, nascosto dietro i suoi colleghi, ha detto qualcosa del tipo “Oh, quella di colore è esuberante”. Quando ho sentito questo qualcosa in me si è rotto. Ho avuto a che fare con razzisti per tutta la vita. Ero qui a protestare per il mio diritto primario che era stato appena tolto a me e alle donne di questo paese. Avrei potuto capire se mi avesse sminuito come donna, ma cosa c’entrava il colore della mia pelle? Gli ho risposto “E tu fottutamente bianco?”. Non ho mai usato questa parola in vita mia, ma ho sentito che se lo avessi chiamato così, avrebbe capito quanto era stato scortese (per dirla con parole leggere).

Non ricordo di aver visto la sua reazione perché uno degli altri poliziotti mi ha afferrato e mi ha buttato sul muro vicino con tutte le sue forze. Ho sentito per la prima volta un dolore assordante sul lato destro della fronte e del naso. Il dolore era peggiore di qualsiasi cosa avessi mai provato in vita mia e sono caduta a terra. Ho sentito un agente dire “Andiamo amica, andrai in tribunale”. Ho tenuto la testa bassa e mi sono portata la mano sul viso. Imprecavo e piagnucolavo. Un poliziotto continuava a dirmi di alzarmi. Avevo paura che avrebbero usato di nuovo la forza, quindi nonostante il dolore mi sono seduta. Quando ho tolto la mano dal viso era ricoperta di sangue. Non volevo mostrare loro il mio dolore, quindi ho stretto i denti. Ma quando ho sentito qualcuno toccarmi da dietro e sdraiarmi sul suo petto ho iniziato a gridare che non mi toccasse. Avevo paura ma ero anche furiosa. In quel momento ho notato che era l’uomo che mi aveva aiutato prima. Era seduto dietro di me e allungava la gamba dolorante. Mi sono appoggiata a lui sentendomi al sicuro per una volta. Uno di loro mi ha chiesto se soffrivo. “No, sto sanguinando solo per divertimento” ho detto sarcasticamente. C’era sangue su tutto il pavimento, continuavo a sputarlo anche io. Un agente mi ha offerto un fazzoletto, con la paura negli occhi. Ho rifiutato, avevo i miei e non avevo bisogno di loro. Il danno è stato fatto. Ho tirato fuori il telefono e ho scattato una foto del mio viso coperto di sangue. Mi sono alzata velocemente e ho iniziato a correre davanti a loro chiamando una delle tante troupe televisive, quando ho visto dove eravamo.

Ci avevano allontanato da tutti gli altri e ci avevano nascosto dietro un edificio vicino, dove le troupe televisive non potevano raggiungerci. Avevo di nuovo paura, eravamo soli ma nonostante questo sono scoppiata a ridere. Mi guardavano scioccati. “Mi comprerò una casa con il risarcimento che riceverò da te”. Ognuno di loro aveva un’espressione spaventata sul viso. Sapevano tutti che il loro collega aveva agito fuori dai limiti.

I paramedici sono arrivati ​​e mi hanno rattoppato. Pensavano che il mio piercing al naso avesse causato il sangue, ma era intatto. Il signore di prima ha filmato l’intero incidente, poi ho filmato la polizia che gli parlava. Poi sono stata presa da parte e ha chiesto ancora una volta i miei dati di identificazione. Ho detto loro subito che avrebbero potuto portarmi alla stazione di polizia perché non avrei dato niente. Mi hanno detto che se non avessi dato loro alcuna informazione mi avrebbero tenuta rinchiusa per 24 ore. Ho tirato fuori il telefono, ho chiamato le mie migliori amiche, Karolina e Wiktoria, ho chiesto loro di informare l’organizzazione anti-repressione “Szpila” e di dire loro cosa era successo, ho anche chiesto loro di andare a casa mia e di prendersi cura dei miei cani che erano soli. Sono anche riuscita a inviare loro una foto della mia faccia insanguinata nel caso in cui la polizia avesse cancellato la foto dopo aver preso il mio telefono. Mentre mi scortavano al furgone della polizia, ho visto uno dei membri del Sejm e ho corso, urlando. Quando la polizia mi ha raggiunto, mi stavo già aggrappando al suo cappotto mostrando l’immagine del mio viso. Ha preso le mie informazioni e ha anche contattato l’organizzazione “Szpila”. Dopo di che sono stata messa in un furgone da una poliziotta incredibilmente professionale. C’erano altre due donne che erano state arrestate e stavano andando alla mia stessa stazione.

La poliziotta ha dovuto portarmi via telefono e portafoglio. Quando ha lasciato il furgone si è scusata e ci ha augurato buona fortuna. Ho detto a un poliziotto che dovevo prendere le mie medicine. Ha detto che non avrei potuto perché non avevo con me un certificato medico che affermasse la necessità di prendere farmaci. (Non so se qualcuno lo porta in giro con sé). Sapevo che dovevo prenderli a causa del mio disturbo d’ansia, quindi quando distolse lo sguardo, il più velocemente possibile ho ingoiato le mie pillole. Non se n’è accorto. L’agente di polizia che mi è stato assegnato è stato molto gentile, si vedeva che non voleva farlo. Le altre ragazze non hanno avuto quella fortuna. Poi siamo state portate a una stazione di polizia a 30 km dalla città. La polizia ha detto che tutte le stazioni di Varsavia erano piene. Il mio avvocato in seguito mi ha detto che questa era una bugia, tutte le stazioni di Varsavia erano vuote. La polizia ha cercato di rendere più difficile il contatto con i nostri avvocati. Lo fanno ogni volta che trattengono qualcuno dallo sciopero delle donne. Quando siamo arrivati ​​alla stazione di polizia mi è stato assegnato ancora una volta un altro poliziotto gentile per fare i miei documenti. Penso di aver avuto quel “privilegio” perché erano spaventati e non volevano che avessi motivo in più per sporgere denuncia. Ci separarono e ci misero in stanze diverse. Volevo un avvocato e informare la mia famiglia. Mia zia aveva la mia posizione sul telefono e volevo dirle che stavo bene. Mi è stato detto che avrei potuto trovare un avvocato dopo tutte le scartoffie. Mi sono rifiutata di firmare qualsiasi cosa mi avessero dato, affermando che non capivo il significato di alcuni termini. Mi hanno chiesto di firmare. Ho chiesto un avvocato. Hanno detto “dopo”. Il mio naso faceva male e la mia testa mi stava uccidendo. Mi sentivo sempre peggio.

La polizia ha detto dopo le scartoffie che mi avrebbero liberato anche se non avessi firmato nulla. Tutto quello che volevo era tornare a casa e prendere il resto dei miei farmaci anti-ansia. Ho detto “Va bene, ma voglio comunque chiamare mia zia”. Sono stata poi portata in un’altra stanza da una poliziotta che mi ha perquisita e mi ha fatto rientrare nella stanza in cui era stata fatta la mia documentazione. È arrivato uno dei peggiori poliziotti che avessi mai incontrato. Ha iniziato a scrivere qualcosa sul computer e ho confermato che non volevo un avvocato. Una delle ragazze che erano state arrestate era nella stanza accanto mi ha gridato di chiamare un avvocato. Il nuovo ufficiale ha gridato al suo staff che dovevamo essere separate. Era aggressivo. Ho subito cambiato idea e ho detto loro che volevo un avvocato. Il dolore alla testa peggiorava sempre di più e avevo voglia di vomitare o svenire. Quando ho saputo che l’intero processo sarebbe durato almeno un’ora in più, ho chiesto assistenza medica. L’agente di polizia aggressivo ha detto che ho aspettato così tanto e ora avevo improvvisamente bisogno di aiuto? Lo ha negato. Gli ho detto che conoscevo i miei diritti e ora chiedevo aiuto medico. Un altro agente ha preso il telefono e ha chiamato un medico. Quando l’aggressivo se ne andò, mi fu chiesto di leggere e firmare un lungo documento. Le lettere davanti a me si confondevano, saltavano sulla pagina, il dolore era insopportabile e ancora una volta sono svenuta. Non appena mi sono ripresa, mi è stato chiesto di firmare il documento. Non riuscivo nemmeno a leggerlo o capirlo e ho negato di firmarlo. Ero stanca, affamata e avevo un disperato bisogno dei miei farmaci.

Mi hanno detto che sarei potuta andare con i paramedici e un ufficiale in ospedale, tornare indietro ma sarebbe stato troppo tardi per un avvocato o avremmo potuto finire tutto adesso. Ho detto loro che dovevo andare in ospedale. Il mondo intero girava e io ero molto debole. Mi hanno portato in un’altra stanza per farmi vedere dai paramedici. C’erano tre di loro. Due sono stati molto duri e uno non ha avuto problemi con me. Hanno controllato il mio battito cardiaco e mi hanno puntato una torcia negli occhi. Biascicavo le mie parole e chiedevo loro di ripetere le domande, mi sentivo come un bambino di due anni che non capiva niente. Due di loro se ne sono andati lasciandomi con quello gentile. Mi è stato chiesto di alzarmi in piedi in modo da fotografare eventuali danni. La mia giacca invernale era strappata (la temperatura esterna era meno qualcosa). A quel punto non sapevo di avere graffi sul braccio poiché indossavo una maglietta a maniche lunghe, quindi non è stato documentato. La poliziotta non ha scattato una foto del mio naso, fino a quando il paramedico non le ha detto che era ammaccato (un segno rosso molto visibile sul lato destro). Ha cercato di spazzolarlo via, dicendogli che era il mio trucco che si era cancellato. L’altra poliziotta non era d’accordo con lei e quando ho provato a strofinarmi il naso per mostrare loro che non era trucco, sono rimasta colpita da quanto facesse male. Alla fine anche questo è stato documentato. Quando il poliziotto di prima è venuto a stampare le scartoffie, mi ha chiesto se devo ancora chiamare mia zia visto che ora esco. Ho chiesto ancora una volta dell’avvocato, al quale ha detto che non sarà qui per almeno un’altra ora. La poliziotta è intervenuta affermando che l’avvocato è stato alla stazione nelle ultime due ore. Fu allora che capii che il poliziotto che era stato gentile fin dall’inizio stava solo recitando la parte di “bravo poliziotto” per farmi firmare i documenti. Così come l’agente che mi aveva nutrito con la menzogna che avrei dovuto passare 24 ore in custodia se mi fossi rifiutata di fornire i dati della mia carta d’identità. Ho chiesto di vedere il mio avvocato. Tre minuti dopo è entrata. La polizia ci ha detto di finire i documenti e che ci sarebbero voluti 5 minuti. Il paramedico si stava stancando, non aveva tempo di aspettare. La polizia ha promesso solo altri 5 minuti. Io e il paramedico siamo giunti alla conclusione che sarei andata in ospedale da sola perché non poteva aspettare e non volevo fermarlo (le persone aspettano ore per le ambulanze in Polonia). Con lui ora, dovrei tornare alla stazione per presumibilmente “altri 5 minuti”. Il paramedico è andato via per preparare la mia scheda medica con le mie ferite. Quando è tornato, con 2 antidolorifici, se n’è andato.

La mia scheda medica afferma che non ho lividi o ferite, quando avevo persino dichiarato alla polizia che il mio naso era ammaccato! C’erano informazioni che affermavano che tutto era ok, scrivendo che non avevo problemi a concentrarmi e che il mio discorso non era confuso. Apparentemente stavo benissimo.

Quando la polizia ha finalmente finito tutto, mi ha chiesto di firmare un altro documento. Ho rifiutato e finalmente sono stata liberata. Mi è stato permesso di vedere il mio avvocato 10 minuti prima del mio rilascio e mia zia non è mai stata chiamata. Solo più tardi ho saputo che, non appena ha visto la mia posizione cambiare in “Stazione di polizia a Legionowo”, ha chiamato chiedendo di me. La polizia le ha mentito dicendo che si stavano prendendo cura per un avvocato e si è rifiutata di dire qualsiasi altra cosa. Se non avessi conosciuto i miei diritti avrei potuto firmare la documentazione che mi incriminava. Perché solo a casa, quando ho guardato tutto, ho visto che uno dei motivi per cui la polizia mi ha trattenuto era basato sul disegno di legge sugli stranieri. Non capisco come la polizia abbia scritto nei miei documenti che ero straniera dopo aver visto il mio documento, che è chiaramente polacco. Mi hanno anche chiesto se so leggere e scrivere in polacco o posso solo parlarlo… Questo è stato dopo che ho detto loro che vivo qui stabilmente dal 2012, e dato che ora ho 20 anni significa ovviamente che ho finito la scuola in Polonia e in polacco. Il giorno dopo sono andata a fare un esame forense, di cui avrò bisogno in tribunale quando avrò citato in giudizio il poliziotto che mi ha buttato sul muro; ho saputo che il mio naso era effettivamente rotto. Prendo antidolorifici sin dall’incidente. Ho costantemente avuto attacchi di panico e ho assunto farmaci per questo come fossero dolci. Niente sembra aiutare. So che tornerò in strada non appena il mio naso guarirà un po’, non voglio fargli più danni quando la polizia deciderà di picchiarci di nuovo. Ho pubblicato la mia storia, in una versione molto più breve, sulla mia pagina Facebook. Finora è stata condivisa quasi 4000 volte e ha oltre 3000 commenti. Molti di loro sono di supporto, ma sfortunatamente molti di loro sono odiosi e razzisti. Continuerò a combattere questa battaglia finché non la vinceremo. E tutte le lotte che devono essere combattute per rendere la Polonia un paese democratico e inclusivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...