FROM MAR ELIAS TO SABRA E CHATILA (Eng/Ita)

di Sergio Attanasio

The destinies of Lebanon, Palestine and Israel seem so closely linked that thinking about the vicissitudes of the Crusades, and the Crusader Christian kingdoms, is almost automatic. Although the Nakba (Catastrophe) displaced more than 700,000 Palestinians (about the Arab population of pre-war Palestine) and scattered refugees throughout the Arab world, Lebanon more than other countries has tasted the consequences. Together with today’s shocking economic crisis and the serious symptoms of a failed state, Lebanon now has to deal with the growing tensions on its southern border: Israel and the Palestinian question are once again, medically and politically, back in the international limelight. The question is: how long will this momentum of global pro-Palestine mobilization last?

Since mid-April, tensions have increased dramatically both in the West Bank and in Israeli cities. It seems that Israel is only now discovering problems such as racism, “white suprematism” and its own functioning as a state. After the unfinished events of Sheikh Jarrah, the Arabs were particularly outraged and insulted by the behavior of the IDF (Israeli Defense Force) inside the Al-Aqsa mosque in Jerusalem (one of the holiest places in Islam) during the last days of Ramadan. After the expiration of an ultimatum, Hamas began firing hundreds of rockets at Israel, which in turn triggered a massive Israeli air raid campaign. the target is Hamas, but as usual the civilians of the Strip become the real victims. I dare to imagine that journalists from Gaza and living in Gaza no longer have nightmares; such is the habit.

If Sheikh Jarrah was the trigger for this round of violence again, it should not be forgotten that the “Sheikh Jarrah” phenomenon and the expansionism of Israeli settlers began 73 years ago. In fact, May 15 is remembered as the beginning of the Nakba: tensions grow over the long term and sometimes linger on the void but potentially in a moment, the fuse is short, and the bomb denotes. At this very moment there are widespread volleys with real progrom carried out by Israeli Jewish extremists (many times they are also settlers), not only towards Palestinians who are not citizens of Israel; but above all against Arab-Israelis, that is Arab citizens of the state of Israel. Scenes that are very reminiscent of the Crystal Night in Germany and apartheid South Africa.

The issue lies within Israeli society which tends to be racist, on the US model, even towards citizens of African origin or towards foreign workers seeking fortune, for example from Thailand and neighboring countries. Perhaps what is currently most at risk in Israel is not so much a new Palestinian Intifada or a persistent state of war between Hamas and IDF, but a real civil war between Israeli citizens (Jews against Arabs). If the former reflects the oppressors, the latter represent the oppressed and discriminated against. Racism and abuse of the Other. The engine of racism is the engine of the settlers who are always looking for new neighborhoods, lands, tunnels of East Jerusalem and urban areas of occupied Palestine. For example, on May 6, far-right Jewish settlers set fire to Palestinian farmland and attacked homes in the West Bank village of Burin near Nablus. This is one of the dynamics that characterizes the colonization process throughout human history. Nablus is surrounded by more than 40 Israeli Jewish settlements and outposts with settlers continuing to invade Palestinian lands expanding illegal settlements and outposts, many times under the protection of the IDF, or Israeli army. More than 600,000 Jewish settlers currently live in more than 250 illegal settlements in the occupied West Bank. Under international law, the West Bank and East Jerusalem are occupied Palestinian territories and all Jewish settlements built there and settlers living there are illegal.

Meanwhile, protests are organized in support of Palestinians around the world. Hosting more than 400,000 Palestinians, Lebanon could not fail to mobilize: marches and demonstrations also took place on the southern border with the eternal inconvenient neighboring Israel. On the other hand, a solidarity march was held in the capital Beirut on 11 May between the Palestinian refugee camps of Mar Elias (historically inhabited by Christian-Orthodox Palestinians) and the camps of Sabra and Chatila. The latter is known for the 1982 massacre.

“It was the flies that told us.” Thus, British war correspondent Robert Fisk began talking about the massacre of Sabra and Chatila in his “Pity the Nation”, his chronicles of the Lebanese civil war (1975-1990). Between 16 and 18 September 1982, far-right Falangist militiamen entered the former Palestinian refugee camps (now real neighborhoods of the city) of Sabra and Chatila, massacring more than 3,500 Lebanese and Palestinian civilians, including the elderly, women, men and children. A message from an Israeli army battalion commander to his men, learning that Palestinians were being massacred, stated: “We know, it is not to our liking and we do not interfere”. 20 years later, Osama Bin Laden included the Sabra and Chatila massacre as the cause of the 9/11 attack on America. This neighborhoods, because of the tents placed on the land that at the time was the southern end of Beirut, it is now the beating heart of the city’s popular life: both Sabra and Chatila are markets during the day, with lots of people coming and going. In 1949 The United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East (UNRWA), the first UN agency created to support refugees, basically founded these neighborhoods (every Palestinian camp in Lebanon tells this story) which will see the tents become very tall, dilapidated and precarious buildings. The camps in Lebanon cannot be enlarged by building near the camp because that is Lebanese territory: it is necessary to build on top of the existing buildings; in height. Non-existent sewers and water system more than below subsistence making this place almost unlivable; except for the people who reside there. In many fields the streets recall the streets and places of the villages in Palestine. At the entrance to Chatila, the solidarity procession started from Mar Elias, the man at the head of the procession started from Mar Elias exclaims: “Welcome to Chatila”. Here is the beginning of the tunnels and it is natural to think of the photos of the massacre.

The reaction of the inhabitants of the neighborhoods was positive; at least for those minutes Arab pride found some relief. No one in Chatila could imagine a wave of people of all kinds entering those narrow streets. On the one hand, it seemed that two different Beiruts had met. All softened by many cameras, journalists and photographers. The people of both Mar Elias and Chatila however and once again remembered that land that by now very few have seen: Palestine, the so-called holy land. Perhaps Beirut itself remembered the Palestinians.


I destini del Libano, della Palestina e di Israele sembrano così tanto legati che pensare alle vicissitudini delle Crociate, ed ai regni cristiani crociati, venga quasi automatico. Nonostante la Nakba (Catastrofe) abbia sfollato più di 700.000 palestinesi (circa della popolazione araba della Palestina prebellica) spargendo profughi in tutto il mondo arabo, il Libano più di altri paesi ne ha assaporato le conseguenze. Insieme all’odierna sconvolgente crisi economica e ai gravi sintomi di uno Stato fallito, il Libano deve ora fare i conti con le crescenti tensioni al suo confine meridionale: Israele e la questione palestinese sono tornati di nuovo, mediaticamente e politicamente, alla ribalta internazionale. La domanda è: quanto durerà questo momentum di mobilitazione globale pro-Palestina?

Dalla metà di aprile le tensioni sono aumentate drammaticamente sia in Cisgiordania che nelle città israeliane. Sembra che Israele stia scoprendo solo ora problemi quali ​​razzismo, “white suprematism” e il suo stesso funzionamento come stato. Dopo gli eventi non ancora conclusi di Sheikh Jarrah, gli arabi si sono particolarmente oltraggiati ed insultati dal comportamento dell’IDF (Israeli Defence Force) all’interno della moschea Al-Aqsa di Gerusalemme (uno dei luoghi più sacri dell’Islam) durante gli ultimi giorni del Ramadan. Dopo la scadenza di un ultimatum, Hamas ha iniziato a lanciare centinaia di razzi verso Israele causando a sua volta l’inizio di una massiccia campagna di bombardamento aereo da parte israeliana. l’obiettivo è Hamas, come al solito però i civili della Striscia diventano le vere vittime. Oso immaginare che i giornalisti di Gaza e che vivono a Gaza non abbiano più incubi; tale è l’abitudine. 

Se Sheikh Jarrah è stata la miccia di nuovo questo round di violenze, non bisogna dimenticare che il fenomeno “Sheikh Jarrah” e l’espansionismo dei coloni israeliani iniziò 73 anni fa. Il 15 Maggio è ricordato infatti come l’inizio della Nakba: le tensioni crescono sul lungo periodo e si soffermano a volte sul vuoto ma potenzialmente in un attimo, la miccia è corta e la bomba denota. Si registrano in questo proprio momento volenze diffuse con veri e proprio progrom attuati da estremisti ebrei israeliani (molte volte anche loro coloni), non solo però verso palestinesi non cittadini d’Israele; ma soprattutto contro Arabi-Israeliani, cioè cittadini arabi dello stato d’Israele. Scene che ricordano molto la Notte dei Cristalli in Germania e il Sud Africa dell’apartheid. 

La questione risiede all’interno della società israeliana che tende ad essere razzista, sul modello USA, anche verso cittadini di origine africana o verso lavoratori stranieri che cercano fortuna, per esempio dalla Thailandia e paesi vicini. Quello che forse più rischia attualmente in Israele non è tanto una nuova Intifada palestinese o un persistente stato di guerra tra Hamas e IDF, ma una vera e propria guerra civile tra cittadini israeliani (ebrei contro arabi). Se i primi rispecchiano gli oppressori, i secondi rappresentano gli oppressi e i discriminati. Razzismo e prevaricazione sull’Altro. Il motore del razzismo è il motore dei coloni che cercano sempre nuovi quartieri, terre, cunicoli di Gerusalemme Est e zone cittadine della Palestina occupata. Per esempio, il 6 Maggio coloni ebrei di estrema destra hanno dato fuoco ai terreni coltivati ​​da palestinesi e hanno attaccato case nel villaggio di Burin, vicino a Nablus, in Cisgiordania. Questa è una delle dinamiche che caratterizza il processo di colonizzazione, lungo l’intera storia umana. Nablus è circondata da più di 40 insediamenti e avamposti ebraici israeliani con coloni che continuano a invadere terre palestinesi espandere insediamenti e avamposti illegali, moltissime volte sotto la protezione delle IDF, o esercito israeliano. Più di 600.000 coloni ebrei vivono attualmente in più di 250 insediamenti illegali nella Cisgiordania occupata. Secondo il diritto internazionale, la Cisgiordania e Gerusalemme Est sono territori palestinesi occupati e tutti gli insediamenti ebraici costruiti lì e coloni che vi abitano sono illegali.

Nel frattempo, si organizzano proteste a sostegno dei palestinesi in tutto il mondo. Ospitando più di 400.000 palestinesi, il Libano non poteva mancare alla mobilitazione: marce e manifestazioni sono avvenute anche al confine meridionale con l’eterno scomodo vicino Israele. D’altro canto, nella capitale Beirut l’11 maggio si è tenuta una marcia di solidarietà tra i campi profughi palestinesi di Mar Elias (storicamente abitato da palestinesi cristiano-ortodossi) e i campi di Sabra e Chatila. Quest’ultimo è noto per il massacro del 1982.

“Sono state le mosche a dircelo”. Così, il corrispondente di guerra britannico Robert Fisk iniziò a parlare del massacro di Sabra e Chatila nel suo “Pity the Nation”, le sue cronache della guerra civile libanese (1975-1990). Tra il 16 e il 18 settembre 1982, miliziani falangisti di estrema destra entrarono negli ex campi rifugiati palestinesi (ormai veri e propri quartieri della città) di Sabra e Chatila massacrando più di 3,500 civili libanesi e palestinesi, tra cui anziani, donne, uomini e bambini. Un messaggio di un comandante di battaglione dell’esercito israeliano ai suoi uomini, apprendendo che i palestinesi venivano massacrati, affermava: “lo sappiamo, non è di nostro gradimento e non interferiamo”. 20 anni dopo, Osama Bin Laden includeva il massacro di Sabra e Chatila come causa dell’attacco dell’11 settembre all’America. Questi quartieri, per le tende piazzate su quel terreno che ai tempi era l’estremità sud di Beirut, ora sono cuore pulsante della vita popolare della città: sia Sabra che Chatila sono mercati durante il giorno, con tantissima gente che viene e che va. Nel 1949 The United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East (UNRWA), la prima agenzia ONU nata per supportare profughi, fonda in pratica questi quartieri (ogni campo palestinese in Libano racconta questa storia) i quali vedranno le tende diventare palazzi altissimi, fatiscenti e precari. I campi in Libano non posso allargarsi costruendo vicino il campo perché quello è territorio libanese: bisogna costruire sopra i palazzi già esistenti; in altezza. Fognature inesistenti e sistema idrico più che al di sotto della sussistenza rendendo questo posto pressoché invivibile; tranne che per le persone che vi risiedono. In molti campi le vie richiamo strade e luoghi dei villaggi in Palestina. All’ingresso di Chatila del corteo di solidarietà partito da Mar Elias, uomo alla testa del corteo partito da Mar Elias esclama: “Welcome to Chatila”. Ecco l’inizio dei cunicoli ed è spontaneo pensare alle foto del massacro.

 La reazione degli abitanti dei quartieri è stata positiva; almeno per quei minuti l’orgoglio arabo ha trovato un po’ di ristoro. Nessuno a Chatila si poteva immaginare un’onda di gente di tutti i tipi entrare in quelle anguste vie. Da un lato sembrava che due diverse Beirut si fossero incontrate. Tutto addolcito da tante telecamere, giornalisti e fotografi. La gente sia di Mar Elias che di Chatila si è ricordata comunque ed ancora una volta quella terra che ormai in pochissimi hanno visto: la Palestina, la cosiddetta terra santa. Forse la stessa Beirut si è ricordata dei palestinesi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...