LEBANON: WHAT FUTURE? (Eng/Ita)

di Sergio Attanasio

Beirut, April/May 2021

From a certain perspective, Lebanon sums up Middle Eastern dynamics and problems. From another point of view, the Lebanese civil war did not end with the Taif accords. The general amnesty given to former militias’ leaders and combatants did not put an end to hostilities between factions and sects, even if they disguise themselves under the umbrella of a partial functioning democracy. As far as the October 2019 mass protests concern, the corrupted political class has been questioned and criticized by Lebanese ordinary people as it had never happened before. Subsequently, the Covid-19 pandemic has stopped the momentum, bringing down the already fragile economy (the collapse has been stated being started in the fall of 2019) towards unpredictable scenarios. Of course, the consequences of pandemic and economic downturn affect not only the Lebanese citizens but also both Syrian and Palestinian refugees and the migrant workers who are mistreated under the so-called “Kafala system”. Each of these stories would deserve to be told and heard. From local businesses suffering the economic recession and the devaluation of the Lebanese Pound to the local NGOs helping people getting food and recovering from the blast; the lack of drinkable water and electricity throughout the country; the rampant Lebanese racism. Consequently, foreigners such as Palestinians; Syrians; Ethiopians; Sudanese; Sri Lankans etc. have the right to be heard. However, the questions rise as follows: Is Lebanon a bridge between the first and the third world? Is Lebanon a midway between the West and the East? These questions sound so much old; so much outdated reminding when the country was believed to be a lighthouse of the West amidst the Cold War. These assumptions can easily work as an illusion feeding diplomats; Lebanese themselves and foreigners armies alike; that illusion saying that Lebanon welcomes everyone – Lebanon corrupts newcomers’ souls because Lebanon never existed if not on European colonizers’ minds and their local allies. The Lebanese, it’s true, will invite you to drink coffee in their home with no frills, but Lebanon as a country will always ask for something in return.

Nevertheless, Lebanon has not changed since the Taif accords: disparities between rich and poor; widespread racism towards the Other and lack of efficient political institutions were main drivers of the 1975-1990 civil war. These same dynamics seem to be here to stay. Lebanon must not forget its own history unless falling in the same mistakes. Incompetence, feeling of being indispensable and widespread corruption of traditional political leaders led to the “Beirut blast”. People who saw, fought, and experienced the 15 years long civil war stated that they had never seen something like the blast that occurred in August 2020 at the Beirut port; namely the city’s heartbeat since its pre-Roman foundation. On 4 August 2020, a large amount of ammonium nitrate stored at the port of the city of Beirut, the capital of Lebanon, exploded, causing at least 207 deaths, 7,500 injuries, and US$15 billion in property damage, and leaving an estimated 300,000 people homeless. A cargo of 2,750 tonnes of the substance (equivalent to around 1.1 kilotons of TNT) had been stored in a warehouse without proper safety measures for the previous six years, after having been confiscated by the Lebanese authorities from the abandoned ship MV Rhosus. Now, the warehouse where the material was located has been replaced by a huge hole with sea water filling it. The blast is considered one of the most powerful artificial non-nuclear explosions in history. In its aftermath, protests erupted across Lebanon against the government for their failure to prevent the disaster, joining a larger series of mass protests which have been taking place across the country since October 2019. As of April 2021, the exact cause of the detonation is still under investigation and rulers of Lebanon do not seem committed to find guilty parties out.

Along the blast, the corona pandemic, and the longstanding fragile Middle Eastern status quo, the nation of cedars is living the worst economic and financial crisis since the wartime. The poor, both Lebanese citizens and foreigners, have quadrupled in the last two years. If on one hand Syrians of every age are seen looking for something edible of valuable in the trash; respectable old Lebanese men beg along Hamra street; the fashion/shopping neighbourhood of Hamra – richest Muslim part of the former “West Beirut”. This is something new since armed hostilities raged throughout the civil war, something that no Lebanese had seen before. Along this, Syrian youth and children are living several hardships – most of them are not able to get access to education and leisure time; they are force to beg, to be shoeshine boys, and to sell flowers along the Corniche during the holy month of Ramadan. If the Syrians were “occupiers” in Lebanon until the Cedar Revolution (2005), now the Syrians are 10 years old refugees, and they have to deal with the local economic collapse. The Lebanese pound has been pegged to the U.S. dollar at a rate of 1,507.5 LBP per USD since 1997. In August 2019, due to the growing probability that the Lebanese government will default on maturing debt obligations, the black-market exchange rate started diverging from the official exchange rate. In the fall of 2019, the black-market exchange rate reached 1,600 LBP per USD, and increased to 3,000 LBP per USD in April 2020, and 14,000 LBP per USD in March 2021. The USD black market exchange rate continues to fluctuate substantially due to devaluation of the Lebanese pound caused by acute USD shortages within Lebanon. This dollar shortage also brought 785 restaurants and cafes to close between September 2019 and February 2020 and resulted in 25,000 employees losing their jobs. In Beirut, a European visitor can just have a delivery order (ex. A whole dinner meal from an ethnic African or Asian food restaurant) for almost 3,5/4 Euros or even less. Along to this, growing tensions are happening at gas stations and supermarkets where people easily argue to get enough fuel or some subsided basic goods, for instance, powder milk for babies. Shootings have been reported (with some people getting killed) across the country. The Lebanese passion for guns is a well-known tale and almost every family has some sort of weapons at home. In the meanwhile, military personnel are being deployed at gas stations everywhere in Beirut. What’s more, Lebanon is experiencing a political/institutional impasse since 2016: there was no president between 2014 and 2016, there were multiple and lengthy delays in cabinet formation, and the 2018 parliamentary elections took place but only after a five-year delay. The Hariri government that was in place when the crisis hit in 2019 became impotent to such an extent that it lacked power to deliver on any of the reforms required as a condition for foreign support. More deeply observing, Lebanese political parties are “agents and not principals,” effectively acting as messengers of regional and international players who seem to currently not incentivized to solve the Lebanese crisis. So, same old ghosts look like to come back. Lebanon functions as a green garden for bigger actors in the region and no one cares about solving suffering of people living in Lebanon; whatsoever citizenship and cultural origin. Will Lebanon fall into hell again or will it find a compromise in which every political party/sect can give some power away without asking anything back?


LIBANO: QUALE FUTURO?

Da un certo punto di vista, il Libano riassume le dinamiche e i problemi mediorientali. Da un altro punto di vista, la guerra civile libanese non è finita con gli accordi di Taif (1991). L’amnistia generale concessa agli ex capi delle milizie e ai combattenti non ha messo fine alle ostilità tra fazioni e sette, esse si mascherano sotto l’ombrello di una democrazia parzialmente funzionante. Per quanto riguarda le proteste di massa dell’ottobre 2019, la classe politica corrotta è stata messa in discussione e criticata dalla popolazione libanese come non era mai successo prima. In seguito, la pandemia Covid-19 ha fermato lo slancio, portando la già fragile economia, e quindi il Libano stesso (una fase critica della crisi economica era già stata registrata nell’autunno del 2019) verso scenari imprevedibili. Naturalmente, le conseguenze della pandemia e del crollo economico non riguardano solo i cittadini libanesi, ma anche i rifugiati siriani e palestinesi e i lavoratori migranti che vengono maltrattati regolarmente sotto il cosiddetto “sistema Kafala”. Ognuna di queste storie meriterebbe di essere raccontata e ascoltata: le imprese locali che soffrono la recessione economica e la svalutazione della moneta libanese; le ONG locali che aiutano la gente a procurarsi il cibo e a riprendersi dall’esplosione; la mancanza di acqua potabile e di elettricità in tutto il paese e il dilagante razzismo libanese. C’è molto da raccontare. Come gli stranieri che vivono in Libano (palestinesi, siriani, etiopi, sudanesi, srilankesi ecc.) hanno pure le loro storie da custodire ed ascoltare. Tuttavia, le domande sorgono come segue: Il Libano è un ponte tra il primo e il terzo mondo? Il Libano è una via di mezzo tra l’Occidente e l’Oriente? Queste domande suonano così vecchie, così antiquate che ricordano i tempi quando si credeva che il paese fosse un faro dell’Occidente durante la guerra fredda. Questi presupposti possono facilmente funzionare come un’illusione che alimenta i diplomatici, gli stessi libanesi e gli eserciti stranieri che storicamente hanno marciato sul suo suolo; quell’illusione stessa che vuole il Libano sempre accogliente con tutti. No, il Libano corrompe le anime dei nuovi arrivati perché il Libano non è mai esistito se non nella mente dei colonizzatori europei e dei loro alleati locali. I libanesi, è vero, ti inviteranno a bere il caffè a casa propria senza fronzoli, ma il Libano come paese chiederà sempre qualcosa in ritorno. 

Ad ogni modo, il Libano non è cambiato dagli accordi di Taif: le disparità tra ricchi e poveri, il razzismo diffuso verso l’Altro, la persistenza dell’acuta politica settaria e la mancanza di istituzioni politiche efficienti sono stati i principali responsabili della guerra civile del 1975-1990. Queste stesse dinamiche sembrano permanenti. Il Libano non deve dimenticare la propria storia, a meno di non cadere negli stessi errori. L’incompetenza, la sensazione di essere indispensabili e la diffusa corruzione dei leader politici tradizionali hanno portato all'”esplosione di Beirut”. Le persone che hanno visto, combattuto e vissuto i 15 anni di guerra civile hanno dichiarato di non aver mai visto qualcosa di simile all’esplosione che si è verificata nell’agosto 2020 al porto di Beirut; cioè il cuore pulsante della città dalla sua fondazione pre-romana. Il 4 agosto 2020, una grande quantità di nitrato di ammonio immagazzinata nel porto della città di Beirut è esplosa, causando almeno 207 morti, 7.500 feriti e 15 miliardi di dollari di danni materiali, e lasciando circa 300.000 persone senza casa. Un carico di 2.750 tonnellate della sostanza (equivalente a circa 1,1 chilotoni di TNT) era stato conservato in un magazzino senza adeguate misure di sicurezza per i sei anni precedenti, dopo essere stato confiscato dalle autorità libanesi dalla nave abbandonata MV Rhosus. Ora, il magazzino dove si trovava il materiale ha lascito spazio da un enorme buco riempito dall’acqua del mare. Accanto vi sono i silos già simbolo di questo “nuovo” Libano. L’esplosione è inoltre considerata una delle più potenti esplosioni artificiali non nucleari della storia. In seguito, grandi proteste sono scoppiate in tutto il Libano contro il governo per il loro fallimento nel prevenire il disastro, unendosi ad una più ampia serie di proteste di massa che hanno avuto luogo in tutto il paese dall’ottobre 2019. Ad aprile 2021, la causa esatta della detonazione è ancora sotto inchiesta e i governanti del Libano non sembrano impegnati a trovare i colpevoli.

Insieme all’esplosione, alla pandemia e al fragile status quo mediorientale, la nazione dei cedri sta vivendo la peggiore crisi economica e finanziaria dai tempi della guerra. I poveri, sia cittadini libanesi che stranieri, sono quadruplicati negli ultimi due anni. Se da un lato si vedono siriani di ogni età cercare qualcosa di commestibile o di valore nella spazzatura; rispettabili vecchi libanesi chiedono l’elemosina lungo Hamra street, il quartiere della moda e dello shopping di Hamra – la parte musulmana più ricca dell’ex “West Beirut”. Questo è qualcosa di assolutamente nuovo che nessun libanese aveva visto prima, se non ai tempi del conflitto civile. In aggiunta, i bambini e la gioventù siriana in Libano vivono immersi in enormi difficoltà – la maggior parte di loro non è in grado di accedere all’istruzione e al tempo libero; sono costretti a mendicare, a fare i lustrascarpe e a vendere fiori lungo la Corniche (il famoso lungomare di Beirut) durante il mese sacro del Ramadan. Se i siriani erano “occupanti” in Libano fino alla Rivoluzione dei Cedri (2005), ora i siriani sono rifugiati vecchi di 10 anni, e devono affrontare la crisi economica libanese. La sterlina libanese è ancorata al dollaro statunitense a un tasso di 1.507,5 LBP per USD dal 1997. Nell’agosto 2019, a causa della crescente probabilità che il governo libanese sia inadempiente sugli obblighi di debito in scadenza, il tasso di cambio del mercato nero ha iniziato a divergere dal tasso di cambio ufficiale. Nell’autunno del 2019, il tasso di cambio del mercato nero ha raggiunto 1.600 LBP per USD, ed è aumentato a 3.000 LBP per USD nell’aprile 2020, e 14.000 LBP per USD nel marzo 2021. Il tasso di cambio del mercato nero del dollaro continua a fluttuare sostanzialmente a causa della svalutazione della sterlina libanese causata dalla carenza acuta di dollari all’interno del paese. Questa carenza di dollari ha anche portato 785 ristoranti e caffè a chiudere tra settembre 2019 e febbraio 2020 e ha fatto perdere il lavoro a 25.000 dipendenti. A Beirut, un visitatore europeo può avere un ordine di consegna (es. una cena intera da un ristorante etnico africano o asiatico) per soli 3,5/4 euro o anche meno. Insieme a questo, crescono le tensioni attorno le stazioni di servizio e nei supermercati dove la gente molto spesso litiga per ottenere abbastanza carburante o alcuni beni di base ormai sovvenzionati dallo stato, per esempio, il latte in polvere per i bambini. Inoltre, sono state segnalate sparatorie (con alcune persone uccise) in tutto il paese. La passione libanese per le armi è una storia ben nota e quasi ogni famiglia ha un qualche tipo di arma in casa. Nel frattempo, il personale militare viene dispiegato nelle stazioni di servizio ovunque a Beirut. Per di più, il Libano sta vivendo un’impasse politico-istituzionale dal 2016: non c’è stato un presidente tra il 2014 e il 2016, ci sono stati molteplici e lunghi ritardi nella formazione degli esecutivi, e le elezioni parlamentari del 2018 hanno avuto luogo ma solo dopo un ritardo di cinque anni. Il governo Hariri, che era in carica quando la crisi economica è arrivata nel 2019, è diventato così impotente da non avere il potere di realizzare nessuna delle riforme richieste come condizione per il sostegno tramite investimenti esteri e vari aiuti internazionali. Osservando più in dettaglio, i partiti politici libanesi sono “agenti e non mandanti”, agendo effettivamente come messaggeri degli attori regionali e internazionali che sembrano attualmente non incentivati a risolvere la crisi libanese. Infatti, molti sia internamente che all’estero godono delle attuali difficoltà finanziarie del paese levantino. Così, gli stessi vecchi fantasmi sembrano tornare. Il Libano funziona come un giardino verde per gli attori più importanti nella regione e nessuno quindi si preoccupa di risolvere le sofferenze delle persone che vivono in Libano; qualunque sia la cittadinanza e l’origine etnico-culturale. Il Libano cadrà di nuovo nel suo proprio inferno o troverà un compromesso in cui ogni partito politico/setta possa cedere un po’ di potere senza chiedere nulla in cambio?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...